Pubblicato il

Paris Print Fair: una nuova fiera dedicata all’incisione

Paris Print Fair prima fiera incisione

Amiamo viaggiare. Quando non sappiamo cosa fare (in realtà non succede mai ma ci piace scherzare!) andiamo alla ricerca di luoghi, momenti, curiosità che ci portano lontano e ci fanno sognare.
E una volta fatte le nostre scoperte, ci piace condividerle. Perché non è più bello confrontarsi, parlarne, creare rete?

E così questa settimana abbiamo pensato di portarvi a Parigi. La Ville Lumière. Ci siete mai stati?
Noi sì, ma questa volta potremo tornarci per un’occasione davvero speciale: Paris Print fair, una nuova fiera dedicata all’incisione.

La capitale francese, infatti, dal 19 al 22 maggio ospiterà i lavori di grandi maestri come Dürer, Rembrandt, Goya e Picasso. Ma anche ricerche un po’ più nuove, come quelle di Bernar Venet, Barbara Rae, Kathy Prendergast.
Sarà un viaggio davvero appassionante per chi, come noi, ama il mondo delle stampe d’arte.

Magari lo sapete già ma, come spesso si dice, repetita iuvant, per questo vi spieghiamo con poche parole cos’è l’incisione.

L’incisione: cos’è

Picasso incisioni

L’incisione è una delle forme di espressione artistica più antiche. Pensate che veniva usata già nella preistoria con le incisioni rupestri su pietra, in età classica sulla ceramica, nella decorazione dei metalli e sulle pareti. Avrete sentito parlare di Pompei ed Ercolano, giusto? Quelle sulle pareti erano incisioni.

L’incisione fiorisce soprattutto perché riesce a moltiplicare le immagini, già prima dell’avvento della stampa a caratteri mobili.

Verso la metà del 1300 in città come Treviso, Padova e Fabriano, per esempio, si usano delle pezze di lino per produrre la carta e in tutta Europa, in particolare nei monasteri, iniziano a diffondersi le prime incisioni.

Ma è con la nascita della stampa d’arte che l’incisione prende piede, cioè quando l’immagine viene incisa su una matrice metallica, di legno o di pietra, e impressa su un supporto cartaceo mediante un procedimento d’inchiostrazione e di successiva stampa.

E dal 1400, quando la tradizione vuole che nasca, sia riconosciuta e si diffonda in pieno la pratica dell’incisione per la stampa, ha trovato largo impiego fino ai giorni nostri, nella decorazione di oggetti d’arte e nell’architettura applicata ai materiali più vari e spesso associata anche ad altre tecniche.

Dürer, Rembrandt, Rubens, Van Dyck, Chagall, Kokoschka, Picasso, Mirò, Carrà, Morandi, Guttuso sono solo alcuni tra gli artisti che hanno sperimentato questa tecnica e ci hanno lasciato i loro capolavori.

Chissà quanti di questi potremo ammirare a Parigi alla nuova fiera dell’incisione Paris Print Fair!

Paris Print Fair, fiera dell’incisione

Dal 18 al 22 maggio 2022
Couvent des Cordeliers, Parigi
www.parisprintfair.fr